Abbatte il muro di casa e scopre una città sotterranea di 3500 anni

Tempo stimato di lettura2 minuti, 10 secondi

Ogni giorno nel mondo avvengono delle scoperte archeologiche di maggiore o minore importanza: la storia dell’umanità sembra essere piena di misteri ancora da svelare.

Non sappiamo ad esempio la posizione di varie città e insediamenti antichi. E non si tratta solo di luoghi leggendari di fantasia, come Atlantide o El Dorado, ma di popolazioni che sappiamo essere esistite, solo che non abbiamo ancora scoperto dove risiedevano esattamente.

La storia che vi racconteremo appartiene alla seconda categoria ed è la storia della città di Derinkuyu, scavata nel terreno e nascosta agli occhi dell’umanità per migliaia di anni: ecco la sua scoperta accidentale da parte di un uomo comune.

derinkuyu-citta-sotterranea-passaggi

 

La storia inizia nel 1963, quando un uomo della provincia di Nevsehir, in Turchia, si prepara ad abbattere i muri della sua casa per ristrutturarla. Dietro il muro l’uomo trovò una sorta di stanza nascosta con un corridoio. Percorrendolo, esso portava direttamente ad altre stanze, collegate da più gallerie. L’uomo non poteva credere ai suoi occhi: aveva scoperto una città sotterranea!

Era Derinkuyu, una delle cosiddette città sotterranee della Cappadocia.


dce397c148e0702443f46bdde03d2303

 

La più antica fonte scritta riguardante le città sotterranee è Senofonte. Nella sua Anabasi, egli scrive che la gente che viveva in Anatolia aveva scavato città sotterranee per viverci con le famiglie, i propri animali domestici e il cibo necessario alla sopravvivenza.

La città si estende per una profondità di 85 metri ed è distribuita su 11 livelli. Si ritiene che possano averci vissuto tra le 3000 e le 5000 persone.

1bd81b36

 

Le grotte sono un predecessore delle case moderne ed erano dotate di divani scavati nella roccia, pozzi con acqua potabile e quella che sembra essere una scuola o una chiesa.

Le piccole stanze fungevano da rifugio quando le condizioni meteorologiche nella zona erano particolarmente sfavorevoli. Servivano inoltre come nascondiglio per sfuggire da attacchi nemici.

La città dispone di 600 porte nascoste tra i vari cortili, che danno accesso verso l’esterno.

Attualmente il sito è accessibile ai turisti, ma purtroppo solo una parte della città è visitabile, principalmente per questioni di manutenzione e sicurezza.

Gli archeologi ritengono che le città scavate nella regione della Cappadocia siano centinaia, ma finora ne sono state scoperte solo sei.

Non si sa con certezza quale delle civiltà antiche abbia costruito la città. Essa è stata sicuramente occupata da varie culture nel corso della storia. E, poichè è stata scavata nella roccia, è difficile datarla con esattezza.

Una città sorprendente con una storia incredibile.

Quindi non stupitevi se un giorno, mentre state facendo i lavori a casa, vi capita di scoprire un tunnel… non abbiate paura, percorretelo: potreste essere i protagonisti di una scoperta archeologica!

FONTE: www.curioctopus.it

Horus
fondatore e amministratore di questo sito, grande appassionato di misteri.

Horus
fondatore e amministratore di questo sito, grande appassionato di misteri.

Nessun commento

  1. […] Abbatte il muro di casa e scopre una città sotterranea di 3500 anni Scozia: agricoltore scopre villaggio di 5000 anni fa Geoingegneria: ecco come hanno ridotto la Terra Edimburgo ed il suo macabro segreto Il Mistero del Gruppo Sanguigno RH Negativo La terrificante isola delle bambole L’olandese volante: mito o realtà? Ison è la cometa più luminosa mai vista in generazioni Difendiamoci dagli Alieni – Conferenza di Bellini e Guerrucci Templari – La storia segreta di Guglielmo D’orleans Home Archeologia e Storia Scozia: agricoltore scopre villaggio di 5000 anni fa […]

Lascia un commento

Statistiche del sito

  • 974
  • 351
  • 64.820
  • 2.087.053
  • 12 settembre 2017

Facebook



loading…


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi