Tu sei qui
Home > Geo Ingegneria > Amatrice, Gorino e il cambiamento italiano

Amatrice, Gorino e il cambiamento italiano

Sono trascorsi appena due mesi dal tremendo sisma di Amatrice e ci risiamo dentro.

L’Italia è nuovamente sotto un pesante attacco della geoingegneria militare, molto probabilmente con base in Sicilia nell’ormai arcinota installazione del MUOS.

Sono le 19 e 11 di ieri sera (interessante notare la sicuramente casuale presenza di un 911) quando una scossa di terremoto di magnitudo 5.4 scuote la terra in Valnerina, a pochi chilometri da Terni. La si sente nettamente fino a Roma. Due ore dopo, un’altra scossa, questa volta della magnitudine di 6.1 (poi velocemente ridimensionata a 5.9…), fa ballare il suolo. E’ intensa ed è lunga questa volta e la gente va nel panico. A questo giro, la sentono a Roma, Rimini, Pesaro, Ferrara, Bologna, Padova, Venezia, Oderzo e Trento!

Si parla di una nuova faglia apertasi dopo il precedente sciame sismico di Amatrice e questo episodio vedrà altre migliaia di sfollati che dovranno probabilmente lasciare le loro abitazioni, devastate da questo nuovo evento naturale, sempre che naturale sia, come già detto. Sono tragedie sempre brutte e tristi da vedere sapendo che, non è possibile fare nulla per evitarle e fa incazzare ancora di più per chi come noi, ‘del mestiere’, sa che non centra il naturale corso dei meccanismi terrestri ma si parla di microonde o altre tecnologie a frequenza che vengono utilizzate da anni oramai per smuovere le faglie.
La situazione geologica e climatica italiana è una cartina tornasole di quello che sta accadendo a certi livelli, finanziari e politici ecco perchè, ci stanno letteralmente portando in casa, decine di migliaia di africani e non, senza che loro nemmeno sappiano il perchè sono qui. Altro che guerra e fame, provate a parlare con un militare nigeriano come abbiamo avuto occasione di fare noi, vi dirà cose ben differenti di quelle che credete di sapere.

I protestanti di Gorino
I protestanti di Gorino

Tutti sappiamo anche che il PD in Italia rappresenta il ‘paggetto’ degli Stati Uniti e del NWO ed è chiaro che l’italiano medio deve stare zitto, tenere la testa china e guardare la tv rincoglionendosi, senza protestare. Ma qualcosa sta guastando i piani di queste mefitiche ed inutili creature, qualcosa nel Nord-Est è iniziato e ha dato un LA che ha portato molti fastidi cardiaci ed intestinali nelle file del NWO, la ribellione.
E’ iniziata in un piccolo paesino della provincia ferrarese di nome Gorino, qualche sera fa quando il prefetto di Ferrara ha deciso di requisire un ostello per posteggiarvi dentro 12 donne africane. L’ostello gestito da privati, aveva prenotazioni che ha dovuto disdire con pochissime ore di preavviso.
Questa situazione, scelta di cattivissimo gusto a nostro parere, ha scatenato l’ira di persone che non si fanno mettere i piedi in testa, ma questo episodio non è il primo, in questa provincia caratteristica per la sua pacatezza vi sono già stati due eventi simili, uno a San Bartolomeo in Bosco ed uno a Gaibanella.

In quest’ultimo l’amministrazione comunale voleva mettere alcune decine di migranti in un B&B di lusso ricavato in una villa antichissima i cui gestori, in affitto, erano in causa per morosità con il proprietario dei muri. Il Comune in seguito dichiarò di essere all’oscuro di queste faccende fra proprietà e affittuari; la popolazione non ci è stata però e si è sollevata.

E il bello è questi signori che dovrebbero governare la città, pensano che la gente ci caschi, che sia cogliona e che non gliene freghi nulla, soprattutto pensano davvero di governare una città LORO.

Dopo l’episodio di Gorino, in altre due località italiane sono partite delle proteste, ad Acerra e Mandatoriccio si fanno barricate e ci si scalda e questo, sarà solo l’inizio!
Sarà un caso che proprio in questi periodi, anche alcuni sindaci toscani attraverso l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) hanno chiesto uno stop ai flussi migratori in quanto le loro terre sono già al collasso.
Renzi di suo, sta iniziando a minacciare l’Europa, chiedendo più soldi per la gestione dei migranti, flusso che lui stesso dice vorrebbe interrompere nel marzo del 2017.
Che sappiano qualcosa che noi non sappiamo? Si, certo, che il loro tempo è finito e che l’aria sta cambiando…sta arrivando una bella tempesta, tutta per loro e per chi li difende.

E’ certo però che il cambiamento che sta ispirando molti cittadini, soprattutto di certe ‘aree’ da un fastidio incredibile a tutta una serie di ‘elementi’ convinti di essere i padroni del mondo e dell’Italia e questo gli fa un male incredibile, tanto da bastonare la stessa nazione attraverso tutto quello che riescono, una serie di governi criminali, un’immigrazione massiva fuori controllo, terremoti indotti, irrorazioni aerosol chimico-batteriologiche, ecc ecc.

Il cambiamento però non si può fermare, la realtà, quella vera, sta tornando a galla e in fretta, tenetevi stretti i bragoni!!!!

Amministratore di questo sito.
Anubi
Amministratore di questo sito.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi