Fine del mondo: Stephen Hawking afferma ‘Dobbiamo abbandonare la Terra’

Tempo stimato di lettura1 minuto, 53 secondi

Un altro monito è stato lanciato dal professore Stephen Hawking, durante lo Starmus science festival che si è tenuto Trondheim in Norvegia. Secondo la #scienza, infatti, la razza umana dovrebbe essere in grado di lasciare il pianeta Terra entro cento anni. C’è da chiedersi se riusciremo nell’intento, e quali sarebbero le conseguenze se non dovessimo farcela. Ma quali sono i pericoli a cui è esposta la razza umana che hanno spinto i ricercatori, fra cui il fisico Stephen Hawking, a lanciare questo allarme? Cosa è successo al nostro pianeta nell’ultimo periodo? Quali sono i fattori che potrebbero spingerci verso la fine del mondo? Andiamo a vedere insieme la questione nel dettaglio.
Sovrappopolazione e temperature crescenti
Proprio nelle ultime ore è stato pubblicato un articolo sul National Geographic, in cui si parla delle ondate di calore.Solo quest’anno in alcune zone del Pakistan, si sono registrate temperature superiori ai 50°, e la temperatura terrestre è aumentata complessivamente di 1°. Gli scienziati pensano che se non prendiamo provvedimenti in meno di 100 anni il 75% della popolazione mondiale morirà per via delle ondate di calore. Secondo Stephen Hawking, la Terra sta diventando troppo piccola per contenerci, e stiamo esaurendo tutte le risorse, quindi l’unico modo per sopravvivere è riuscire ad abbandonare il nostro pianeta entro la fine del secolo.
1492
Il Professor Stephen Hawking ha affermato che ci troviamo in un periodo storico molto simile al 1492, ovvero la data della scoperta dell’America.
Per il fisico abbiamo bisogno di trovare nuovi mondi per sopravvivere, come fecero gli europei del XV secolo. Ma questa volta la destinazione è più lontana. Infatti gli scienziati puntano a Marte e alla Luna, come corpi celesti idonei a costruire le nostre prime colonie extraterrestri. Inoltre, quando la tecnologia ce lo permetterà, abbiamo molti altri esopianeti potenzialmente abitabili su cui potremmo espanderci, come Proxima-b o TRAPPIST-1. Infatti, proprio negli ultimi giorni, la #NASA ha annunciato in una conferenza stampa che la sonda Kepler, ha trovato altri 10 pianeti molto simili alla Terra. Ma le ondate di calore non sono l’unico pericolo che corre la razza umana, poiché sono in avvicinamento molti asteroidi, 10 dei quali quest’anno ci sfioreranno [VIDEO] pericolosamente. Come sempre quando si parla di questi argomenti è bene ricordare di non cedere ad inutili allarmismi e di rimanere sempre con i piedi per Terra. A voi i commenti. #finedelmondo
FONTE: Blastingnews
Amministratore di questo sito.

Amministratore di questo sito.

Nessun commento

  1. […] Il Professor Stephen Hawking ha affermato che ci troviamo in un periodo storico molto simile al 1492, ovvero la data della scoperta dell’America. Per il fisico abbiamo bisogno di trovare nuovi mondi per sopravvivere, come fecero gli europei del XV secolo. Ma questa volta la destinazione è più lontana. Infatti gli scienziati puntano a Marte e alla Luna, come corpi celesti idonei a costruire le nostre prime colonie extraterrestri. Inoltre, quando la tecnologia ce lo permetterà, abbiamo molti altri esopianeti potenzialmente abitabili su cui potremmo espanderci, come Proxima-b o TRAPPIST-1. Infatti, proprio negli ultimi giorni, la #NASA ha annunciato in una conferenza stampa che la sonda Kepler, ha trovato altri 10 pianeti molto simili alla Terra. Ma le ondate di calore non sono l’unico pericolo che corre la razza umana, poiché sono in avvicinamento molti asteroidi, 10 dei quali quest’anno ci sfioreranno [VIDEO] pericolosamente. Come sempre quando si parla di questi argomenti è bene ricordare di non cedere ad inutili allarmismi e di rimanere sempre con i piedi per Terra. A voi i commenti. #finedelmondo FONTE: Blastingnews via La Porta di Ra […]

Lascia un commento



loading…




loading…


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi