Tu sei qui
Home > NWO > Le dinastie che governano il mondo si riproducono per clonazione?

Le dinastie che governano il mondo si riproducono per clonazione?

Le dinastie che gestiscono il potere temporale e spirituale del pianeta, si riproducono per clonazione o comunque con l’ausilio di evolute tecniche di riproduzione assistita?
Come alcuni acuti ricercatori ed autori hanno intuito, sono alcune linee di sangue di origine antichissima a detenere il potere terreno. Ciò spiega l’attenzione maniacale alle genealogie di alcuni gruppi sociali (aristocrazia) e di alcune opere letterarie antiche, come la Bibbia e la maggior parte dei grandi poemi epici. Ancora oggi è sorprendente constatare come una gran parte dei politici sedicenti democratici del nostro presente possano vantare origini nobiliari, spesso tenute abilmente nascoste alle masse.
Anche in Italia, i personaggi legati alle nobiltà passate, che si sono poi prestati alla gestione del potere terreno, sono moltissimi e spesso ben dissimulati. Non è un mistero ad esempio che il sedicente Partito Demo(n)cratico sia ben frequentato da nobilastri di elevati, sebbene oscuri, lignaggi. Il PD(ue) infatti è il vero baluardo del conservatorismo italiano, benvoluto e foraggiato dai nobili latifondisti e dai proprietari d’azienda, le classi sociali meno interessate alla democrazia diretta ed all’ascesa sociale delle classi subalterne.
Nei link in fondo, alcuni video sull’argomento. Su Youtube sono presenti numerosi contributi anche ben documentati. Consiglio comunque in proposito la lettura degli avvincenti saggi di Tristano Tuis (l’Aristocrazia Nera) e di Diego Marin (Il Sangue degli Illuminati).
A volte, infine, i cloni si rompono…





Amministratore di questo sito.
Anubi
Amministratore di questo sito.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi