Tu sei qui
Home > Astronomia > Le foreste di Marte

Le foreste di Marte

Molte delle persone che navigano in cerca di informazioni in rete, non sono a conoscenza di una curiosità che in effetti è un fatto molto importante.
Sul cosiddetto ‘pianeta rosso’ sembra esistano delle vere e proprie foreste di piante anche di dimensioni piuttosto grandi.
Questo fatto lo possiamo chiaramente dedurre dalle immagini trasmesseci da Mars Orbiter Camera installata a bordo della sonda Mars Global Surveyor poco prima della sua ‘morte’ avvenuta il 2 novembre 2006.

Sono arrivate centinaia di fotografie ‘curiose’ come apparenti tunnel trasparenti dentro a dei canyon, strutture che ad una prima occhiata tutto sembrano fuorchè naturali e poi loro, gli alberi di Marte.
Alcuni isolati, altri radunati in gruppi, proprio come qui sul nostro pianeta.

04400_foreste_marte
Iniziamo osservando la foto scattata a Latitudine -82.02° e Longitudine 284.38° (ci troviamo circa in zona polo sud marziano) che ci mostra un aspetto finora ignorato ma che ad un’analisi più approfondita, restituisce qualcosa di più, qualcosa di importantissimo: la presenza di vegetazione sul pianeta rosso.

(immagine n° M08-04688, link ufficiale: http://ida.wr.usgs.gov/html/m08046/m0804688.html)

come mostrato nella seguente immagine, si può notare chiaramente quello che potrebbe essere tranquillamente un’area boscosa in cui s distinguono chiome, rami ed anche variazioni di pigmentazione di quelle che paiono delle conifere.
In alcune immagini, appaiono ‘organismi’ vegetali che potrebbero avere una chioma di circa un chilometro.

04401_foreste_marte

Su questo pianeta, premettendo che possa esistere un’atmosfera senza la quale, la vita anche solo vegetale sarebbe impossibile, dovrebbe esserci un clima molto rigido, ma ciò non impedisce alle piante di nascere e crescere se solo pensiamo qui a casa nostra, in Canada o nella taiga russa.
Se queste sono specie vegetali quindi, nel sottosuolo marziano deve esistere per forza di cose anche acqua allo stato liquido.

Questi grandi organismi, almeno qui sulla Terra per vivere e sopravvivere hanno bisogno di:

  • Acqua (allo stato liquido)
  • Luce (inteso anche come un intervallo di temperatura)
  • Nutrienti minerali e anidride carbonica (da organicare attraverso la fotosintesi clorofilliana)

E pare quindi che tutti e tre questi elementi vi siano. Luce perchè ilpianeta non ha una distanza molto eccessiva dal Sole rispetto alla Terra quindi è irradiato, La presunta, scarsa atmosfera marziana dovrebbe essere composta in larga scala di CO2 che crea un effetto serra importante, scaldando anche lo stesso pianeta.
Per quanto riguarda l’acqua, altri scatti molto importanti hanno rilevato la presenza di fiumi e probabilmente laghi ancora esistenti.

04402_foreste_marte

Non esistono per cui controindicazioni biologiche affinchè crescano regolarmente specie vegetali ed arboree come le nostre conifere su quel pianeta.

  • Atmosfera più rarefatta che sulla Terra quindi maggior necessità di superfici per l’interscambio gassoso compensata dalla maggiore quantità di anidride carbonica
  • Gravità un terzo di quella terrestre che favorisce la crescita geotropica
  • Probabile mancanza di parassiti e infestanti specifici
  • Durata del giorno (ritmo circadiano) simile alla Terra e alternanza delle stagioni sebbene di durata doppia

Queste indicazioni, ci fanno comprendere che sotto questi valori, potrebbero tranquillamente esistere vegetali anche di dimensioni importanti.

04403_foreste_marte

Se queste foreste vere e proprie esistessero realmente come noi pensiamo, si comprenderebbe il motivo per cui le Agenzie Spaziali colorano di rosso il pianeta e le immagini che ci arrivano dal suo suolo.

Ma per quale motivo, queste scoperte non vengono studiate pubblicamente e divulgate?
c’è chi sostiene sia per tenere in piedi un equilibrio di religione/società, già molto in crisi in questi ultimi periodi e chi invece perchè agenzia come la Nasa poi dovrebbero spiegare il perchè lo hanno tenuto nascosto da chissà quanto, visto che i famosi ‘canali di Marte’ furono avvistati per la prima volta da Schiapparelli nel 1800.
Di fronte ad una consapevolezza simile, tutto quello su cui si basa questa società, malata e allo stremo, crollerebbe definitivamente, credenze religiose, economia, certezze…
…tutto andrebbe in frantumi e chi sta al potere, si troverebbe davvero in grossi guai.

04404_foreste_marte

E mentre noi continuiamo ad accopparci o azzuffarci per sopravvivere, su Marte le foreste prosperano e sicuramente, anche qualcuno nel loro sottosuolo, non diverso da noi e forse nemmeno nato molto lontano, fratelli verso i quali riponiamo un po’ di fiducia perchè vengano ad aiutarcvi, un giorno, chissà.

Articolo liberamente tratto da: http://www.ecplanet.com/node/4012

Amministratore di questo sito.
Anubi
Amministratore di questo sito.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi