I nostri pensieri creano la nostra realtà

Tempo stimato di lettura4 minuti, 25 secondi

Man mano che andiamo avanti sempre più persone diventeranno multidimensionali, una coscienza multidimensionale e ci muoveremo in maniera diversa su livelli molteplici questo è il nostro vero stato naturale.
Questa realtà dei cinque sensi è uno stato innaturale. Quante cose incredibili succederanno quando ci renderemo conto di chi siamo, sarà bellissimo e il mondo nelle nostre teste lo decodificheremo in una maniera diversa.
La “maschera” che ci è stata messa addosso sta per cadere, dobbiamo ampliare gli orizzonti mentali.

Abbiamo attraversato un processo di soppressione e controllo e adesso lentamente ne stiamo venendo fuori anche se abbiamo l’impressione che non sia così.
Il Sistema di controllo si sta sgretolando davanti al nuovo piano vibrazionale si sta tenendo attaccato con le unghie ma cederà.
Dobbiamo solo chiederci quanto sarà dolorosa la scomparsa del Sistema di controllo.
L’umanità sta emergendo e sta uscendo da questa “prigione”.
Questo è il nuovo genere umano come direbbe Einstein: “Non si possono risolvere i problemi con lo stesso livello di consapevolezza che li ha creati”.
Dobbiamo rompere l’incantesimo.
Dobbiamo renderci conto che noi tutti siamo energia o coscienza, come meglio credete.
Noi tutti abbiamo una coscienza individuale, ognuno sta facendo la propria esperienza su questo pianeta.
Oltre alla nostra coscienza individuale , esiste anche la coscienza collettiva.

Lo descriverei come un campo di energia invisibile che avvolge il pianeta e dove è disponibile tutta la conoscenza del genere umano.
Pensate agli animali, pensate ad una colonia di formiche che costruisce il suo formicaio. Ogni singola formica sa cosa deve fare e dove deve andare, questo perchè ha imparato dalle esperienze di tutte le formiche che le hanno precedute.
Questo vale anche per gli esseri umani, pure noi siamo collegati ad una coscienza collettiva.
Questa coscienza collettiva in un certo modo determina cosa siamo, come specie e com’è fatto il nostro mondo percepito con i cinque sensi.
Provate a pensare, quando una persona ha una nuova idea essa incomincia ad essere parte del collettivo e diventa facile per gli altri avere la stessa idea ed assimilarla con semplicità.
La società così come la vediamo se ci pensate è frutto della nostra coscienza collettiva.
Ma naturalmente ci sono delle eccezioni.
Nikola Tesla ne è un’esempio lampante. Colui che aveva inventato ed era vicino a dare l’energia libera a tutti, è stato annientato e ucciso. Anche in seguito, negli anni, chiunque riprendeva in mano i progetti Tesla veniva corrotto, minacciato ed in certi casi ucciso, perchè diventava un nemico per le multinazionali petrolifere ed energetiche interessate solo al denaro e non al bene per il genere umano.

Original caption: Generating artificial lightning in Nikola Tesla’s laboratory. Undated illustration. BPA2# 1462 — Image by © Bettmann/CORBIS

E qui torniamo al sistema di controllo di cui abbiamo parlato prima.
Naturalmente una delle cose che ci collega come collettivo è il nostro DNA.
Pensate all’influenza che hanno i nostri pensieri sulle nostre giornate, sugli eventi quotidiani che viviamo continuamente.
Se un giorno ci svegliamo innervositi, i nostri pensieri saranno quasi sicuramente negativi e vedremo tutto storto, anche le cose che il giorno prima non lo erano. Saremo quindi nervosi influenzando negativamente anche chi ci sta attorno.
Se invece vi svegliate positivi tutto quello che prima era visto come negativo lo vedreste sotto un altro aspetto cioè migliore più armonico influenzando le persone questa volta in maniera positiva.
Così creiamo la nostra realtà, i nostri pensieri creano il mondo che percepiamo.

Pensiamo le cose più in grande, provate ad immaginare se noi tutti insieme pensassimo ad un mondo migliore e positivo.
Se prima, da singoli individui, influenzavamo chi ci stava attorno, ora insieme potremmo cambiare tutto in poco tempo e in maniera positiva.
Tutto cambierebbe talmente in fretta che l’èlite dominante non potrebbe più avere il controllo su di noi.
Ed è per questo che continua a dividerci continuamente, tra politica, religione, razza….
Una popolazione continuamente divisa e resa schiava dalla paura è facilmente controllabile.
Ecco il perchè di queste tremende guerre, di questa crisi economica, dell’odio razziale imposto volutamente…così facendo viene attivata la nostra parte più fredda quella parte del cervello che si chiama rettiliana.
Quindi si ragiona senza empatia perchè come il rettile, l’uomo cerca di sopravvivere come può e non di vivere con tutte le sue potenzialità.
Ora come ora, l’umanità si sta risvegliando, anche grazie alle nuove vibrazioni in arrivo dal nostro cosmo sul nostro pianeta.

Abbiamo bisogno di una svolta necessaria alla nostra coscienza per evolversi ed allinearci alla frequenza del nostro pianeta e del nostro Universo.
Questo sta accadendo anche grazie alla legge di attrazione che dice: “Tutto ciò che esiste ha una certa frequenza (vibrazione). Le frequenze funzionano magneticamente perciò tutto ciò che create richiama altre cose simili.”
Ed è proprio grazie a questa legge di attrazione che voi state leggendo quest’articolo perchè anche voi sapete che noi siamo molto di più di quello che percepiamo e che così il mondo non può continuare in quanto ci porterebbe alla catastrofe.
Cerchiamo tutti di essere positivi, lo so è facile a parole…
Impegnamoci tutti seriamente ne va del nostro presente\futuro come genere umano.
Buona vita a tutti amici miei.

PS.
Un ringraziamento speciale ad Elena Bianchini e Matteo Gelatti che mi hanno fatto sperimentare, grazie al bagno di suoni, quello che ho studiato in questi anni.
http://www.bagnodisuoni.it/
FONTE: Hackthematrix – Scritto da Sergio T.

Amministratore di questo sito.

Amministratore di questo sito.

Nessun commento

Lascia un commento



loading…




loading…


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi