Tu sei qui
Home > Archeologia e Storia > Questa scoperta storica senza precedenti riscriverà la nostra storia!

Questa scoperta storica senza precedenti riscriverà la nostra storia!

L’establishment archeologico si sforza inutilmente a trovare motivi per rifiutare e disprezzare le straordinarie implicazioni degli scavi si stanno svolgendo a Gunung Padang in Indonesia.

Dalla prima esplorazione da parte degli archeologi nel 1914 il sito è stato pensato per essere una collina naturale, con strutture megalitiche di 2500 anni. Ma nel 2010 il geologo Dr. Danny Hilman Natawidjaja (che ha guadagnato il suo dottorato al Cal Tech) ha visto in questa “collina” una possibile piramide artificiale ed ha iniziato ad esplorare utilizzando georadar, tomografia sismica, perizia tecnica e altro tipo di telerilevamento come scavi diretti e carotaggi in profondità.

I risultati sono stati immediatamente intriganti e hanno prodotto prove di camere artificiali sepolte e la datazione al carbonio 14 le fa risalire fino a 26 mila anni. Si era nel mezzo dell’ultima era glaciale, quando i nostri antenati si suppone (secondo il modello archeologico ortodosso) non fossero altro che cacciatori raccoglitori primitivi incapaci di costruire e strutture di grandi dimensioni. Possibile, che il geologo Natawidjaja Unearthing abbia scoperto le prove di una civiltà avanzata perduta dell’antichità preistorica? Tali idee sono eresie agli occhi archeologi tradizionali e, in Indonesia, l’establishment archeologico si è unito contro il Dott Natawidjaja e la sua squadra, ha incitato le Autorità politiche, ha creato agitazioni a livello locale ed è riuscito a rallentare, anche se non a fermare completamente, una più approfondita esplorazione di Gunung Padang.

Dr Natawidjaja si è difeso, ha portato di persona la questione al presidente dell’Indonesia. Ci sono stati ulteriori ritardi a causa delle elezioni in Indonesia ma, solo qualche mese fa, a metà agosto 2014, gli ultimi ostacoli sono state eliminati e il dottor Natawidjaja e il suo team sono tornati sul sito Gunung Padang con un permesso completo per andare avanti con il loro lavoro, compreso il permesso di scavare le camere nascoste.
Gli archeologi erano furiosi e hanno cominciato subito pressioni per far interrompere il lavoro – per fortuna senza nessun risultato, dal momento che scavi preliminari hanno prodotto risultati che dimostrano oltre ogni dubbio che Gunung Padang sia in effetti una piramide artificiale di grandissima antichità come il Dr Natawidjaja aveva sostenuto da tempo. Anche lo strato relativamente giovane scavato finora (il secondo strato di roccia colonnare artificiale sotto il sito megalitico visibile sulla zona) risulta databile al 5200 aC (quasi 3000 anni più vecchio del datazione ortodossa per le Piramidi di Giza in Egitto) e ci sono prove certe che lo strato di terreno prelevato in profondità sia molto più antico. In breve, è ora evidente a tutti che il sito è di gran lunga più vecchio dei 2500 anni, data sulla quale gli archeologi avevano insistito per decenni. Anche i più ostili tra di loro stanno ora riformulando la loro valutazione del sito e stanno cominciando a riferirsi ad essa come “una tomba a schiera gigantesca, che fu creata della cultura megalitica nell’arcipelago.”
Ho chiesto al Dr. Natawidjaja la sua opinione riguardo ad un articolo su di lui che era stato pubblicato nel Jakarta Post e lui ha risposto come segue:

Quell’articolo è tutto sbagliato. Tutti gli scavi sono stati supervisionati dagli archeologi provenienti dall’Agenzia per la conservazione e la gestione dei siti archeologici (BPCB) e Università dell’Indonesia. Lo scavo del sito è stato anche ispezionato recentemente dal Direttore per la conservazione dei siti archeologici (che è il capo di Miss Desril Shanti), dal capo della BPCB, e dal Ministro dell’Istruzione e della Cultura stesso. In seguito, hanno dato una conferenza stampa che conferma che tutti gli scavi sono fatti a regola d’arte. Per informazioni, il capo del Centro Nazionale Archeologico, che è la sede principale per i Centri archeologici locali, tra cui il sito archeologico di Gunung Padang. L’articolo del Jakarta Post era anche sbagliato per quanto riguarda il finanziamento. Il ministro dell’Istruzione e della Cultura ha effettivamente annunciato nella conferenza stampa che avrebbe destinato circa 3 miliardi di dollari per la ricerca ma questi non sono ancora stati erogati. Finora, io e il mio team stiamo ancora lavorando come volontari e ci auto finanziamo con l’aiuto dei soldati (TNI) Che stanno lavorando al nostro fianco. Naturalmente i TNI-hanno i loro fondi propri – ma non da quelli del Fondo di dotazione“.

Per quanto riguarda l’avanzamento dei lavori a Gunung Padang, il Dr. Natawidjaja scrive quanto segue:

Il progresso della ricerca è grande. Abbiamo scavato altri tre punti proprio in cima al Sito Megalitico un paio di settimane fa, il quale ha dato prove e dettagli sulle strutture sepolte. Abbiamo scoperto artefatti di pietra provenienti dagli scavi. L’esistenza della struttura piramidale di sotto del sito megalitico è ormai evidente; anche per i non specialisti, non è troppo difficile da capire se vengono a vederlo con i loro occhi. Abbiamo trovato alcuni tipi di sale aperte sepolte da terreno di spessore 5-7 metri; Tuttavia non siamo ancora entrati presso la camera principale. Ora stiamo perforando la sospetta posizione della camera (sulla base di sottosuolo Geofisico) al centro del sito megalitico“.

Fonte

Amministratore di questo sito.
Anubi
Amministratore di questo sito.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi